Privacy Policy I dolci più buoni d'Europa per le Travel Blogger Italiane: Est - viaggiodolceviaggio
i dolci più buoni d'Europa
DOLCI RICETTE

I dolci più buoni d’Europa per le Travel Blogger Italiane: Est

Iniziamo una nuova, piccola avventura, in questo periodo che di avventure ne ha ben poche: speriamo tutti di poterci presto lasciare alle spalle questo cupo periodo di emergenza ed allarme, per poter tornare ad esplorare mondi vicini e lontani con zaino in spalla o valigia alla mano, con un biglietto aereo in tasca o un intricato itinerario nella testa… Ma ancora non è il momento. Ci aspetta ancora del tempo in cui ci dobbiamo accontentare di viaggiare con la fantasia, ripensando ai viaggi passati, o con la lettura di nuovi libri e vecchi amati blog, con la visione di film classici o recenti documentari e serie tv…

Per tutti noi viaggiare è, anche, provare nuovi sapori, innamorarsi di gusti e profumi diversi da quelli di casa. Ho quindi chiesto alle altre Travel Blogger Italiane di aiutarci a viaggiare con la fantasia, in cucina, raccontandoci dei dolci preferiti scoperti durante i loro viaggi!

Hanno aderito in tante; questa settimana, partiamo da alcuni stati dell’Europa dell’est per andare ad assaggiare la soffice Bled Cake in Slovenia, i curiosi Pierogi in Polonia, lo zuccheroso Trdlo a Praga, l’intramontabile e cioccolatosa Sacher in Austria!

dolci dell'europa dell'est

I dolci più buoni d’Europa: la torta di Bled (Slovenia)

di Julia – www.zuccherofarinainviaggio.it

Come per ogni destinazione, anche per la Slovenia, ho deciso di studiare le specialità gastronomiche locali. Durante questo viaggio ci occorreva trovare un dolce adatto per festeggiare il terzo compleanno del più piccolo di casa. Fu cosi che scoprii la Bled Cake o Kremna Rezina.

La torta di Bled è una sorta di millefoglie farcita con crema e panna, deve essere ben visibile lo stacco tra i due strati e spolverizzata in cima con abbondante zucchero al velo. La particolarità è che viene servita in porzioni quadrate di 7 cm, un assaggino, per così dire! La torta è molto consistente, consiglio una porzione in due anche ai palati più golosi. Oltre alla versione originale, con la crema classica alla vaniglia, ne ho viste altre farcite con crema al cioccolato o con crema e ciliegie, varianti un po’ originali.

La storia ci racconta che questa torta fu inventata nel 1953 dal pasticcere serbo Istvan Lukacevic presso l’hotel Pak di Bled che, con fierezza, mostra esposto il cartellone che rivendica la paternità del dolce, la torta prodotta qui vanta infatti la denominazione protetta. La ricetta è segretissima, si trovano molte varianti in rete e sui libri di cucina.

Se volete provare a farla a casa vi do qualche consiglio: pasta sfoglia fatta in casa e vaniglia in bacca; non risparmiate sulla qualità degli ingredienti perché la differenza di sapore potrebbe essere abissale; lo abbiamo constatato anche in loco. Un buon te o caffè americano saranno un utile alleato nel consumare questa torta.

Foto di Zuccherofarinainviaggio

I dolci più buoni d’Europa: il Trdlo (Ungheria e Repubbliche Ceca e Slovacca)

di Alessandra – www.itinerarilowcost.it

Il Trdlo o Trdelnik è considerato da molti il dolce tipico di Praga. In realtà lo potete trovare in quasi tutte le principali città dell’est Europa, anche se la sua origine sembra essere ungherese o slovacca.

La prima occasione in cui abbiamo assaggiato il Trdlo è stato proprio a Praga alcuni anni fa. Siamo stati attirati al banchetto dove lo stavano preparando da un profumo di zucchero caramellato e cannella e, da quel momento, ce ne siamo proprio innamorati. Ogni volta che visitiamo una città dell’est Europa andiamo subito alla ricerca del ‘manicotto di Boemia’ come verrebbe tradotto in italiano.

Perchè si chiama Trdlo? Il nome impronunciabile è legato alla sua preparazione. In pratica, si prepara una pasta lievitata dolce, che viene stesa come una sfoglia. Dalla sfoglia si ricavano delle strisce lunghe circa 40 cm, che vengono avvolte su di un bastone metallico chiamato proprio Trdlo. Il dolce, cosparso di zucchero e cannella, avvolto al suo bastone, viene fatto girare all’interno di un forno elettrico o a brace… ed il risultato è un dolce caramellato fuori ma dalla consistenza morbida. Il Trdlo è normalmente vuoto all’interno ma, per i più golosi, può essere riempito con crema, gelato, cioccolato ecc… Siamo certi che ogni volta che in una città dell’est sentirete quel profumo inconfondibile di zucchero e cannella lo assocerete sicuramente al gustosissimo Trdlo.

Foto da Pixabay

I dolci più buoni d’Europa: i Pierogi (Polonia)

di Annalisa – https://www.iviaggidiliz.it

I Pierogi sono il primo piatto polacco per eccellenza… ma fungono anche da dolce! Si tratta di simil-ravioloni che, nel caso in cui vengano scelti come primo piatto, sono ripieni di carne, di patata e ricotta, di spinaci o di crauti e vengono serviti in bianco con olio e pancetta. Nel caso in cui vengano scelti per dessert, invece, sono ripieni di ricotta e spolverati con lo zucchero e l’acqua.

Una delizia per i palati che amano assaggiare una cucina più sofisticata e diversa. Io mi sono approcciata dapprima ai Pierogi dolci durante il mio viaggio a Varsavia, poi ai Pierogi salati durante il mio viaggio a Cracovia. Hanno un sapore particolare entrambi, dipende dai gusti personali, ma durante un viaggio vale sempre la pena provare la cucina tipica!

Foto da Pixabay

I dolci più buoni d’Europa: la torta Sacher (Austria)

di Carmen – https://viaggiatricedagrande.blog

Non si può andare a Vienna e non assaggiare l’originale Sachertorte… e non si può parlare di Sachertorte viennese senza passare all’hotel Sacher. Così, nel nostro itinerario nella capitale austriaca, anche io e le mie amiche ci siamo concesse un pezzo di torta ed un the nell’iconico caffè del centro di Vienna.

Questa torta fu inventata nel 1832 a Vienna dal pasticcere Franz Sacher, allora sedicenne, per il principe Von Metternich. Consiste in due strati di pan di Spagna al cioccolato con al centro un leggero velo di confettura di albicocche, il tutto ricoperto da una glassa di cioccolato fondente. Solitamente è accompagnata anche da panna montata. La Sachertorte originale è protetta da un marchio di fabbrica e, ad oggi, non esistono al mondo licenze per la rivendita di questo prodotto. Esistono, invece, tantissime imitazioni.

Oltre all’Hotel Sacher di Vienna, la torta Sacher originale si può trovare anche all’Hotel Sacher di Salisburgo, Innsbruck e Graz, presso la zona duty-free dell’aeroporto di Vienna e nell’on-line shop nel sito ufficiale dell’Hotel Sacher mentre, fuori dall’Austria, l’unico posto dove la si può trovare è nel Sacher Shop di Bolzano. Esiste però una disputa con la pasticcerai Demel ed entrambi i produttori rivendicano l’originalità della ricetta.

Curiosità: a questa torta deve il nome la casa di produzione cinematografica di Nanni Moretti ed il riconoscimento per il miglior film dell’anno istituito nel 1989, appunto il premio Sacher. Una volta tornata a casa ho provato a rifare la torta… e devo dire che il risultato è stato molto soddisfacente!

Foto di Viaggiatricedagrande

Vi invito ad andare a trovare le nuove amiche, che ringrazio per la partecipazione, sui loro blog, e vi aspetto la prossima settimana… per andare alla scoperta di un’altra zona d’Europa attraverso altri dolci manicaretti… dal gusto mediterraneo!

30 commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: