Privacy Policy
Tradizioni ortodosse natalizie della bielorussia
CHRISTMAS

Tradizioni natalizie in Bielorussia

Tradizioni ortodosse natalizie della bielorussia

SCOPRIAMO… IL NATALE IN BIELORUSSIA

Ho deciso di scrivere questo articolo per approfondire leggermente quanto scritto per una bellissima iniziativa di alcune Travel Blogger Italiane che, su proposta del blog La tartaruga volante, hanno parlato delle tradizioni natalizie in varie parti del mondo. Vi invito quindi a leggere anche quello che hanno scritto le mie ‘colleghe’ sul Natale in tanti altri paesi d’Europa e del mondo su questo blog. Se vi stuzzica anche scoprire le diverse tradizioni delle varie regioni italiane, ecco un altro interessante progetto collaborativo sul blog Pizzapastascones!

Inoltre, ho una carissima amica bielorussa, che preferisco anzi considerare una sorella. Sono stata tante volte da lei, ma purtroppo mai nel periodo natalizio, che però mi ispira tantissimo, con i suoi -20°, l’onnipresente neve e le tradizioni un po’ diverse dalle nostre…tutte da scoprire!

Inverno Natale Tradizioni ortodosse natalizie della bielorussia

Non vi piacerebbe festeggiare due volte il Natale, la festività con l’atmosfera più affascinante di tutto l’anno? E’ possibile… Viaggiando! Infatti, quando con l’Epifania in occidente si conclude il periodo delle feste e ci si lascia alle spalle abbuffate e festeggiamenti,  in Russia, Bielorussia ed in generale nei paesi ortodossi, si comincia! In questi luoghi infatti non si festeggia il Natale il 25 Dicembre, bensì il 7 gennaio. Le zone della Russia e delle ex Repubbliche sovietiche, infatti, non seguono il calendario Gregoriano, ma quello Giuliano.

Per ragioni storiche, si tratta di una ricorrenza importante, ma non sentita tanto quanto da noi. Infatti, sotto il dominio dell’Unione Sovietica, il Natale non era riconosciuto come festività e la ripresa ad utilizzare le decorazioni e l’albero addobbato è avvenuta soltanto dopo la caduta del Comunismo.

Il Babbo natale russo, un anziano signore panciuto, si chiama дед мороз, Ded Maroz, che significa Nonno Gelo. Ded Maroz si reca dai bambini accompagnato dalla sua giovane e bella nipote Снегурочка, Snegurochka, Fanciulla di neve, che aiuta l’anziano nonno a portare i doni e che gioca con i bimbi.

Ded Maroz tiene uno scettro, ha lunghi e bianchi capelli, indossa un ampio mantello di pelliccia, che può essere rosso ma tradizionalmente anche bianco e blu, con stelle e disegni tradizionali ed un cappello ornato con perle e argento. Snegurochka, invece, è vestita con un lungo abito bianco e azzurro intrecciato con fili d’argento.

Tradizioni ortodosse natalizie della bielorussia Ded Maroz

Alcuni ottimi piatti tipici della cucina bielorussa che non possono mancare nel periodo natalizio sono i драники, draniki, frittelle preparate con patate, uovo, sale, pepe ed intinti nella cremosissima сметана, smetana, ovvero la panna acida, e i налистники, nalistniki, sottili pancake ripieni di formaggio, smetana o marmellata ed arrotolati su se stessi. La religione ortodossa prevede un lungo digiuno di circa due mesi precedente il Natale, durante il quale non si possono consumare carni, latticini, uova e loro derivati; prima di poter tornare a mangiare regolarmente, è necessario iniziare con la кутья, kutia, piatto preparato con grano, riso, uva secca, papavero, miele e nocciole.

Piatti tipicio Tradizioni ortodosse natalizie della bielorussia

A differenza della tradizione cattolica, in quella ortodossa non esiste il presepe come simbolo della natività, ma altre tradizioni sono comuni, come quella di riunire tutta la famiglia a tavola e di recarsi alle celebrazioni in chiesa. La tradizionale celebrazione ortodossa dura parecchie ore e si tiene di notte.

Dopo il 7 gennaio, ovvero dopo il Natale, inizia un periodo denso di celebrazioni: 12 giorni santi in cui si susseguono eventi dedicati alla nascita e al battesimo di Gesù.

Altre importanti feste di questo freddo periodo sono infatti quelle del 13 e del 19 gennaio.

La notte tra 13 e 14 gennaio si festeggia il Capodanno ortodosso, Старый Новый Год, Starj Novj God, ovvero vecchio nuovo anno. In questa occasione, è tradizione servire a tavola 12 pietanze diverse, una per ogni mese dell’anno. Il tutto, ovviamente innaffiato da abbondante vodka!

Il 19 gennaio si celebra il battesimo di Gesù: ci si reca al fiume per immergervisi completamente, tuffandosi per tre volte sott’acqua e per tre volte facendosi il segno di croce.

Battesimo di Gesù 13 gennaio Tradizioni ortodosse natalizie della bielorussia

Per augurarsi buon Natale, in russo si dice С Рождеством,  S Rogdestvom, поздравлем, pazdravliaem…

 

…Perciò auguro di cuore a tutti voi… С Рождеством!

 

Inverno Natale in Bielorussia

9 commenti

  • Silvia - The Food Traveler

    Prima di riuscire a dire buon natale in russo sarà già l’epifania! Ho fatto male a interrompere le lezioni di russo dopo il viaggio a Mosca 😉 Il periodo delle feste e quello invernale in particolare devono essere un momento stupendo per visitare le repubbliche sovietiche ❤️

    • viaggiodolceviaggio

      Ahahah, anche io anni fa ho studiato un po’ di russo… ma, come per tutte le lingue, se non pratichi un po’, i vocaboli che rimangono in mente sono davvero pochi… (come per esempio, per me, spazzolino da denti, o coccinella…!)

      • Silvia - The Food Traveler

        Poi secondo me a volte entra in gioco anche l’età, almeno nel mio caso: se una volta memorizzavo parole e frasi abbastanza facilmente, ora dimentico alla velocità della luce. Anche io ricordo parole assurde (e inutili) come per esempio matita e scoiattolo 😂

  • Silvia

    Siamo da poco rientrati dalla Lituania che ci ha molto affascinati. Ho letto con vero piacere tutto il tuo articolo sulla Bielorussia e spero un giorno di andarci!

  • Annuccia1986

    Anni fa, sono andata con il mio ex ragazzo, ucraino. Lui aveva parenti in Bielorussia io alcuni amici bielorussi, e abbiamo deciso di fare questa pazzia di visitare questo paese particolare durante il Natale Ortodosso. Un’emozione indescrivibile. Ho trovato persone molto ospitali, gentili e ho avuto l’opportunità di imparare il russo. Io sono metà polacca e per me il russo é facile da comprendere, ma adesso che vivo a Londra ho dimenticato un po e i miei colleghi lettoni parlano male e non si capiscono. Abbiamo passato un Natale indimenticabile, nonostante non stiamo più insieme. Le mie amiche vivono nell’ovest del Paese e sono mezze polacche, le loro tradizioni sono tremendamente influenzate dalla Polonia. Con la neve a -20 é stato meraviglioso. Però abbiamo trovato problemi al confine tra Polonia e Bielorussia con il pullman: code pazzesche sotto la neve, soldi ai doganieri, UNO SCHIFO!

    • viaggiodolceviaggio

      Sì, i problemi alla dogana li ho riscontrati anche io…Nel mio caso, tra Bielorussia ed Ucraina. Anche io l’ho trovato davvero triste.
      Grazie per aver condiviso il tuo racconto, è sempre bellissimo rivivere con la mente dei bei ricordi!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: