Privacy Policy
cosa vedere a copenhagen
COPENHAGEN

Cosa vedere a Copenhagen

Copenhagen è, da anni, in vetta alle classifiche, posizionata tra le città più felici e più sane d’Europa. Tra le motivazioni di questo primato sembra esserci un mix di fattori: leggi statali, scelte ecologiche nello sviluppo urbano, iniziative per la tutela della salute, stili di vita… La parola hygge, che non mi azzarderei mai a tradurre e che lascio così com’è, con il suo sapore intimo, familiare, accogliente, è la parola che più di tutte, da sola, sa descrivere città come questa: semplici, pulite, lineari, fredde… ma calde!

Di seguito, vi lascio una piccola guida della città, da utilizzare durante una visita a Copenhagen di circa 3 giorni. Se avete più tempo, vi consiglio di cuore di estendervi come una molla fino a Malmö che, con la sua tranquillità e i suoi sapori svedesi, vi conquisterà.

Copenhagen e Malmo, mappa

Cosa vedere a Copenhagen: Indre By

Il centro città

STRØGET

Si tratta della zona commerciale pedonale per eccellenza, ottima per fare shopping, che si estende tra Rådhuspladsen e Kongens Nytorv. Il primo tratto è più rumoroso e popolare, mentre dalla parte opposta dominano l’eleganza e l’esclusività. È composta da 5 vie contigue e dinamiche: Frederiksbergadde, Nygade, Vimmelskaftet, Amagertorv, Østergad, che insieme formano la strada pedonale più lunga d’Europa (circa 2 km).

RUNDETÅRN

SI tratta di una torre circolare dal diametro di 15 metri e dall’altezza di 35, su cui si sale da una rampa elicoidale lunga 209 m. La sua storia è davvero curiosa, in quanto pare che il re Cristiano IV abbia fatto costruire la rampa per poter andare ad osservare le stelle salendo comodamente in carrozza! È un ottimo punto panoramico sul centro storico della città.

Panorama dalla RUNDETÅRN, Copenhagen

GRÅBRØDRETORV

È una bellissima piazza della città vecchia, carica di pace. Al suo centro, si erge un grande platano, che offre ombra e tranquillità.

KULTORVET

Animata piazza pedonale, situata nei pressi di Nørreport st. e di Strøget, la strada dello shopping. È circondata da case d’epoca e vivacizzata dalla presenza di caffè, negozi, bancarelle.

VOR FRUE KIRKE

La Chiesa di Nostra Signora è la Cattedrale di Copenhagen, edificata per la prima volta nel 1191 e ricostruita tre volte. L’odierna struttura del 1829 è in stile neoclassico. È stata utilizzata in svariate occasioni, come matrimoni o incoronazioni, dalla famiglia reale.

SANKT PETRI KIRKE

Chiesa tedesca del XV sec, che si trova nel cuore del caratteristico Quartiere Latino. Pare sia il più antico edificio sacro di Copenhagen, ed ha subito tutte le catastrofi che si sono abbattute sulla città: incendio, bombardamento, distruzione. Riunisce una congregazione di lingua tedesca.

QUARTIERE LATINO

Meglio conosciuta come Latinerkvarteret, è la zona a nord di Strøget e che circonda il vecchio campus dell’università. In parte è zona pedonale ed ha il suo centro nella caratteristica piazza di Gråbrødretorv, ritrovo dei giovani universitari.

Quartiere latino di Copenhagen
Quartiere latino di Copenhagen

RÅDHUSPLADS

Cuore di Copenhagen, è la piazza più grande del centro. Ospita il Municipio, la Fontana del Balzo del Drago e la statua dedicata all’autore Hans Christian Andersen.

Radhus, municipio di Copenhagen
Statua d Hans Christian Andersen, Copenhagen

RÅDHUS

Il Municipio è un edificio di mattoni rossi che, da una parte ricorda i palazzi toscani, dall’altra l’architettura medievale danese.  Infatti è stato costruito da un architetto che si ispirò allo stile rinascimentale italiano dopo una visita a Siena, con tocchi nordici. Al suo interno è custodito il sofisticato orologio Jens Olsen, vero capolavoro di orologeria. La sua torre è alta 105 metri e, saliti i 300 gradini, permette di godere di una favolosa vista.

Radhus, municipio di Copenhagen

NY CARLSBERG GLYPTOTEK

Opere artistiche di una collezione privata fondata da Carl Jacobsen, il magnate della birra Carlsberg. Le opere esposte sono di artisti del calibro di Gauguin,  Monet, Manet, Toulouse-Lautrec. La sezione dell’antichità espone statue, greche, romane, egizie, etrusche.

NATIONALMUSEET

Museo della storia e della civiltà danese, messa a confronto con le altre culture. Le collezioni risalgono fin dalla preistoria e raggiungono i giorni nostri.

TIVOLI

Il parco di Tivoli accoglie attrazioni, giostre, giardini ed è un parco di divertimenti molto antico, risalente al 1843. Si tratta infatti del parco divertimenti ancora attivo più antico del pianeta. Fu fatto costruire dal re Cristiano VIII su suggerimento di un giornalista, che affermò queste parole: “Se il popolo si diverte, non si occupa di politica”.

Attenzione agli orari, perchè è aperto solo in certi periodi dell’anno. Ogni sabato, alle 23.45, è possibile assistere allo spettacolo pirotecnico, mentre ogni sera, mezz’ora prima della chiusura, viene presentato un bellissimo spettacolo di luci sul lago.

Tivoli, Copenhagen

ROSENBORG SLOT

Il castello di Rosenborg è un castello rinascimentale. Costruito nel ‘600 come residenza reale, oggi è parzialmente visitabile in una sorta di museo, il Museo della Collezione Reale danese. Il suo fascino è dovuto al fatto di essere cambiato pochissimo nel tempo, alle numerose torrette,   alla bella tonalità dei mattoni. Ogni giorno alle 11.30 avviene il cambio della guardia, che, partendo da Rosenborg procede solennemente fino ad arrivare, alle 12, al palazzo di Amalienborg.

Rosenborg Slot è circondato dai Giardini reali (Kongens Have) e, dalla parte opposta, si trova il Giardino botanico.

KONGENS HAVE

È il parco che si trova alle spalle del castello di Rosenborg, il parco pubblico più antico della città. Il suo nome significa Giardino del Re ed è stato realizzato all’inizio del 1600. Al suo interno, una statua di Hans Christian Andersen, serre, giardini, un bel parco giochi, un roseto.

Rosenborgslot, Copenhagen

BOTANISK HAVE

L’orto botanico di Copenhagen si estende in circa 10 ettari di sentieri, giardini, terrazze, pergolati, laghetti serre.

STATENS MUSEUM FOR KUNST

Soprannonimata SMK, è la galleria d’arte nazionale danese, e copre 700 anni di arte europea.

NYHAVN

Luogo vivace, colorato con atmosfera tra il signorile e il marinaresco, il simbolo di Copenhagen per eccellenza. Si tratta infatti dell’antico porto di Copenhagen, oggi luogo d’incontro e punto focale del turismo cittadino. Al civico n.9 si può vedere una targhetta che indica l’anno si costruzione, il 1681, mentre ai civici n. 18, 20, 67, 69 visse lo scrittore e poeta Andersen.

Copenhagen Nyhavn
Copenhagen Nyhavn
Copenhagen Nyhavn
Copenhagen Nyhavn by night
Copenhagen Nyhavn by night

CHARLOTTENBORG SLOTT

Palazzo costruito in stile olandese barocco con l’intento di farne residenza reale. Oggi ospita l’Accademia reale danese di Belle arti e svariate mostre temporanee.

KONGENS NYTORV

Enorme piazza situata in fondo alla Strøget, usata come luogo d’incontro e di ritrovo. D’inverno, solitamente ospita una grande pista di pattinaggio (attualmente, 2019, è sede di grossi lavori). Sulla piazza si affacciano un centro commerciale, importanti hotel e il Teatro reale.

DAVIDS SAMLING

È un museo interessante, raffinato e gratuito, collocato in un edificio in stile neoclassico, che presenta, tra le altre, un’ampia collezione di arte islamica.



Slotsholmen

Slotsholmen è un isolotto situato nel porto di Copenhagen e separato da un canale dal resto della città. Non ci si accorge di essere su un’isola, perchè è parte integrante dell’insieme circostante, ma lo si scopre se lo si osserva dalla mappa. L’ho quindi inserito a parte proprio per dare un ordine mentale a chi si avvicina a scoprire questa città! Il suo nome è dovuto alla serie di castelli che si sono succeduti sul suo suolo fin dal 1100. È il centro amministrativo della città in quanto è sede del governo danese.

CHRISTIANSBORG SLOT

È il Palazzo reale danese, sede di uffici governativi come il Parlamento, la Corte Suprema e l’Ufficio del primo ministro. Riunisce tutti e tre i poteri, legislativo, esecutivo e giudiziario. È quindi l’unico al mondo ad avere in sé i tre organismi statali contemporaneamente. Storicamente, non ha avuto un passato facile, ma anzi ha annoverato una serie di modifiche, demolizioni, incendi.

La cappella del castello si chiama Christiansborg Slotkirke, ed è sede di svariate cerimonie ufficiali.

RUINERNE UNDER CHRISTIANSBORG

Si tratta di una visita alle rovine delle fondamenta del palazzo di Christiansborg, ritrovate accidentalmente durante i lavori di costruzione dell’attuale palazzo e risalenti al 1100.

KONGELIGE STALDE & KARETER

Si tratta di una collezione di carrozze, uniformi, cavalli della famiglia reale.

TEATERMUSEET

Museo dell’antico teatro di corte danese, chiamato Hofteatret. Si può visitare l’esposizione di costumi, documenti,  modelli, disegni, nonché il teatro di corte stesso.

BØRSEN

Edificio rinascimentale,  costruito nel 1600, è il palazzo della borsa. Davvero particolare è la guglia, che ricorda code di drago attorcigliate che si innalzano verso il cielo.

HOLMENS KIRKE

Chiesa dedicata alla Marina Reale. Qui si sposò nel 1967 la regina Margarethe II con il principe Henrik. Contiene svariate opere d’arte ed è luogo di sepoltura di alcuni personaggi celebri danesi. Il suo pulpito è enorme, si alza dal pavimento al soffitto.

KONGELIGE BIBLIOTEK

Significa biblioteca reale ed è la biblioteca più grande della Scandinavia. Presenta una fusione tra lo stile classico dell’edificio originario con la nuova parte moderna. È stata fondata a metà del 1600 dal re Federico III. È oggi soprannominata Diamante Nero grazie al nuovo edifico contiguo, realizzato nel 1999, rivestito di lastre di marmo nero e vetro. Questa superficie cambia colore a seconda della luce solare, dell’ora del giorno e del tempo. Il cubo è alto 24 m e scaturisce una sensazione di eleganza e leggerezza.



Frederiksstaden e Amalienborg

DEN LILLE HAVFRUE – LA SIRENETTA

Simbolo di Copenhagen, la statua della sirenetta è stata commissionata da Carl Jacobsen per abbellire il porto, dopo che era rimasto piacevolmente colpito dalla visione dal balletto The little Mermaid nel 1909 e si era commosso di fronte alla triste storia (diversa dalla versione più famosa, disneyana) dell’amore tra una sirena ed un principe. Nella versione originale, infatti, una sirena strinse un patto con una strega dopo essersi innamorata di un principe che aveva salvato da un naufragio: cedere la sua voce in cambio di un paio di gambe. Ragioni di stato, purtroppo, prevalsero sull’amore, così il principe, anche se innamorato della ragazza, dovette stringere un matrimonio d’interesse. Le sorelle della Sirenetta le proposero di uccidere il principe per riacquistare la libertà, ma lei non accettò, perdendo quindi la vita.

Spesso la statua della Sirenetta oggi è danneggiata o decapitata, e da molti ritenuta, per le sue ridotte dimensioni e la sua mestizia, insignificante, ma resta il simbolo della città, e probabilmente conoscere la storia originale aiuta ad apprezzarla proprio così com’è: appartata, piccola, malinconica.

FONTANA DI GEFION

Nei pressi della famosa Sirenetta, si trova una bella fontana, che raffigura la leggenda della nascita della Selandia, l’isola più grande della Danimarca su cui è situata Copenhagen. Secondo la leggenda, una donna, Gefion, aveva chiesto della terra al re di Svezia e quest’ultimo  le aveva promesso un regno grande quanto quello che sarebbe riuscita ad arare in una notte sola. La donna, allora, decise di trasformare in buoi i suoi figli, che, da lei spronati, lavorarono indefessamente arando un’area grande quanto la Selandia.

ST. ALBANS CHURCH

È una piccola chiesa anglicana che si trova nei pressi della Fontana di Gefion e della Sirenetta, costruita verso la fine del 1800.

KASTELLET

È una fortezza costruita nella metà del 1600 come difesa dalla Svezia. La sua pianta è a forma di stella a cinque punte, ed il castello è circondato da argini e fossato.  

I dintorni, sono una bella zona residenziale, con eleganti palazzi borgesi e pochissimi turisti.

BREDGADE

Lungo questa via, arteria principale del quartiere di Amalienborg, fiancheggiata da palazzi, ristoranti, caffè, gallerie d’arte, si possono ammirare e visitare svariati luoghi, come l’Alexander Newsky Kirke, il Medicinsk-Historisk Museum, la Sankt Ansgars Kirke (cattedrale cattolica della città), il Kunstindus trimuseet (museo di eclettiche collezioni di tutti i tipi).

MARMORKIRKEN (O FREDERIKSKIRKEN)

Chiese in stile neobarocco, con una cupola ispirata a quella di San Pietro. Larga 31 metri, è la più grande dell’intera Scandinavia. Dalla cima, si gode di un ottimo panorama.

DANSK DESIGN CENTER

Si tratta di un edificio semplice ma elegante, che racchiude mostre permanenti e temporanee a tema design. Il meglio per gli appassionati di design nordico, contemporaneo e non.

AMALIENBORG SLOT

È il palazzo reale, residenza ufficiale della famiglia reale danese, ed è formato da 4 palazzi in stile roccocò affacciati sulla grande piazza ottagonale. Quando la regina è presente, nella sua dimora presso il palazzo sudorientale, la bandiera danese sventola. Sono visitabili gli appartamenti reali di 3 generazioni della famiglia reale.



Cosa vedere a Copenhagen: Christianshavn

Si tratta di un’isola sul lato orientale di Copenhagen, attraversata da canali, soprannominata da alcuni Piccola Amsterdam, da altri Piccola Venezia, con gli edifici dalle facciate colorate che si riflettono nei canali. In questi ultimi, sono ormeggiate barche, barchette e case galleggianti. In questo mix di elegante, bohèmien e yuppie, è davvero piacevole passeggiare senza una meta precisa, osservando i colori e l’acqua che scorre. Superato lo stretto del porto, ed attraversato uno dei ponti, si ha l’impressione di lasciarsi Copenhagen alle spalle e di entrare in un altro mondo.

Christianshavn , Copenhagen

VOR FRELSERS KIRKE

La Chiesa del Nostro Redentore è una chiesa seicentesca con un interno maestoso barocco. Particolarmente bella è la sua guglia, alta 95 m e caratterizzata da una scala esterna a spirale, dalla quale si può godere di una splendida visuale. Il carillon di questo campanile è stato il primo installato nei tempi moderni in Scandinavia.

CHRISTIANS KIRKE

L’esterno non colpisce, ma la sorpresa è all’interno. Con il suo interno in stile roccocò, infatti, questa maestosa chiesa del 1700, con i suoi palchetti, somiglia molto ad un teatro. Infatti, nel tempo, è anche divenuta sede di numerosi concerti, spettacoli e balletti. La sua disposizione è davvero insolita: contrariamente al solito, la navata è posta sul lato corto: questo dona all’edificio una singolare larghezza, anche se la struttura risulta snellita grazie alle vetrate e ai colori chiari.

OPERA HOUSE

È il teatro nazionale danese, tra i più moderni e costosi mai realizzati.  È collocato di fronte al Palazzo di Amalienborg, lungo la riva del porto. Ha un tetto piatto, alto 24 m e che sborda per 32 m sopra l’ingresso.

Opera House, Copenhagen

La porzione di terra su cui è stata costruita l’Opera si chiama Dokøen, ovvero Isola di Dock. Poco distante dall’opera si possono vedere una stazione di pompaggio ed una vecchia darsena.

CHRISTIANIA

Zona dichiarata “Stato libero” nel 1971, nata dall’occupazione di una base militare abbondonata per la creazione di una comunità libera e pacifista.  È un territorio autogovernato, quindi decisamente un quartiere fuori dalle righe…


Cosa vedere a Copenhagen: Nørreport e Nørrebro

Nørreport è un quartiere che mostra un interessante connubio tra luoghi legati alla monarchia ed un quartiere operaio che si modernizza.

Nørrebro è invece un vivace e colorato quartiere hipster multiculturale, le cui attrattive principali sono:

SUPERKILEN

Superkilen è un coloratissimo parco urbano che simboleggia la multiculturalità del quartiere in cui si trova. E’ sorto per favorire l’incontro tra diverse culture, in quanto chiunque, appartenente ad ogni etnia, può identificarsi con alcuni oggetti qui presenti. I vari oggetti, infatti, provengono da svariate differenti nazioni e caratterizzano un distinto ambito del parco.

ASSISTENS KIRKEGÅRD

Situato nel quartiere multietnico Nørrebro, è un tranquillo cimitero in cui sono sepolti alcuni illustri cittadini danesi, come Søren Kierkegaard e Hans Christian Andersen.  Oltre che cimitero, è anche un parco ed un giardino in cui passeggiare, ricco di verde ed ispiratore di pace e tranquillità.

ASSISTENS KIRKEGÅRD

Cosa vedere a Copenhagen: Vesterbro

È il quartiere che si trova a sud ovest rispetto al centro cittadino. Il significato del nome è ‘ponte ovest’, oppure ‘strada lastricata occidentale’. Quartiere a luci rosse per il primo tratto, poi diventa quartiere multietnico. La via principale è Istedgade.

Vesterbro un tempo era zona malfamata e buia, con mattatoi, concerie, traffici di droga, mentre oggi è divenuta zona di tendenza.

Sono visitabili il Birrificio Carlsberg, il Mercato del fieno, il Museo della città di Copenhagen, il Planetario Tycho Brahe.


Desideri itinerari già pronti per visitare Copenhagen? Eccoli qui! Qui trovi il mio diario di viaggio! E qui trovi consigli su dove e cosa mangiare a Copenhagen!

Leggi anche… la guida alla città di Malmö ed altri consigli per la cittadina svedese raggiungibile da Copenhagen in circa un’ora!

9 commenti

  • Silvia - The Food Traveler

    Ci sono stata tanti anni fa in vacanza in camper con i miei, e da allora non ho più avuto occasione di tornarci. Quella di unirla a un viaggio che includa anche Malmö mi sembra un’ottima idea.
    Mi piacerebbe molto vedere il parco Kongens Have perché non ricordo proprio se ci siamo stati, ma direi di no. E poi tornerei a vedere la sirenetta che abbiamo visto da lontano perché quel giorno c’era una folla pazzesca e non siamo riusciti ad avvicinarci.

  • Sognando Viaggi

    Quanto mi piacerebbe visitare Copenhagen! Sono contenta che tu abbia apprezzato la Sirenetta, ho letto talmente tanti commenti negativi che mi fa piacere che qualcuno l’abbia apprezzata, vista in fotografia anche a me sembra bellissima in tutta la sua eleganza e malinconia!

  • francivinai

    Grazie per avermi fatto rivivere Copenhagen! L’ho amata tantissimo, nonostante il freddo pungente di fine novembre. Il lato positivo erano le luci natalizie della città e – pezzo forte del viaggio – la mostra temporanea sulle tradizioni dei Re di Danimarca in tempo di Avvento e sulle tavole reali a Natale, allestita nelle sontuose sale del castello di Christiansborg. Un sogno!

    • viaggiodolceviaggio

      Si, con le atmosfere invernali a mio parere le città si accendono di un fascino particolare! Ma che bella la mostra di cui parli!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: